DSC 3833-770x470

On line il sito web dedicato ai Giochi mondiali amatoriali di Csit: si terranno dal 1° al 6 giugno a Cervia

Ora è ufficiale: il Comune di Cervia (sulla riviera romagnola) ospiterà la 7esima edizione dei CSIT WORLD SPORTS GAMES (WSG 2021), insieme al partner tecnico AiCS e in partnership con i comuni di Cesena, Cesenatico, Ravenna e Regione Emilia Romagna. I Giochi mondiali amatoriali della Confederazione internazionale dello sport per tutti, si terranno nelle quattro cittadine romagnole dal 1 ° al 6 giugno 2021: oltre 6mila le persone sono attese – tra atleti, tecnici e accompagnatori – e verranno accolte in totale sicurezza secondo i protocolli di sicurezza anti Covid che saranno aggiornati secondo i futuri Dpcm.

Il sito dei Giochi è ora on line >>> CLICCARE QUI, ed entro breve si apriranno anche le iscrizioni sulla piattaforma di registrazione, ma l’invito finale alle organizzazioni membri di Csit è già giunto. Tra queste, anche la stessa AiCS già pronta a partecipare con una folta delegazione di atleti.
Diciotto le discipline sportive per le quali si disputeranno i campionati internazionali Csit – atletica, football e minifootball, scacchi, Mamanet, tennis tavolo, volley, lotta greco-romana, nuoto, karate, basket, judo, bocce, tennis, beach volley e beach wrestling, ginnastica: a queste saranno da aggiungere le esibizioni sportive fuori campionato e i para sport, le attività sportive inclusive e rivolte anche ai disabili. 

CLICCA QUI  

 

 servizio-civile-1-1200x800-1-770x470

Sono 46 i posti disponibili per i giovani tra i 18 e 28 anni che vogliono diventare operatori volontari di servizio civile in AiCS. Fino alle ore 14.00 di lunedì 8 febbraio 2021 è possibile presentare domanda di partecipazione ad uno dei sette progetti AiCS che si realizzeranno tra il 2021 e il 2022 su tutto il territorio nazionale.

Gli aspiranti operatori volontari devono presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it dove, attraverso un semplice sistema di ricerca con filtri, è possibile scegliere il progetto per il quale avanzare la candidatura.

Anche quest’anno, per facilitare la partecipazione dei giovani e, più in generale, per avvicinarli al mondo del servizio civile, è disponibile il sito dedicato www.scelgoilserviziocivile.gov.it che, grazie al linguaggio più semplice, diretto proprio ai ragazzi, potrà meglio orientarli tra le tante informazioni e aiutarli a compiere la scelta migliore.

Vai al Bando

Vedi lo Spot istituzionale

CONTATTI>>> Per informazioni, contattare l’ufficio di Servizio civile AiCS al numero 366 399 7762 il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 19; il martedì e giovedì dalle 9 alle 14.

LEGGI ANCHE>>>  SERVIZIO CIVILE, ECCO I PROGRAMMI AiCS PER IL 2021

Qui sotto, gli abstract di tutti i progetti: CLICCA QUI SOTTO.

Abstract_Il Centro per lo Studio del Costume Storico Italiano

Abstract_L’Italia va in scena

Abstract_Sport Arcobaleno

Abstract_Sport in Blu

Abstract_Sport in Rosa

Abstract_Sport in Verde

Abstract_Storie Italiane sotto il cielo di Perugia

 FOTO-PROM-SPORTIVA-8-770x470

La circolare della presidenza AiCS: possibili gli allenamenti di contatto per gli agonisti iscritti ai campionati in agenda fino a gennaio. Per tutti gli altri campionati, allenamenti sì ma solo individuali

In seguito alla riunione del Consiglio Nazionale CONI, svoltosi il 15 dicembre, sono stati richiesti alcuni chiarimenti sulle modalità di allenamento all’interno di palestre, piscine volti alla partecipazione agli eventi e competizioni sportive di valenza nazionale.

Alla luce di tali chiarimenti si comunica che:

come indicato nel Punto e) del Dpcm del 03.12.20 e nella NOTA DEL CONI riportata QUI.

in questo periodo di emergenza sanitaria, per le competizioni di valenza nazionale indicate nel calendario emesso da AICS e pubblicato qui “Attività concesse in riferimento agli attuali Dpcm”rimangono consentiti gli allenamenti individuali SOLO PER ATLETI AGONISTI relativi alle discipline codificate dal CONI e inserite nel Registro Nazionale (il 14/02/2017) –

***In allegato l’elenco delle discipline codificate dal CONI presenti nel Calendario Attività Sportive Nazionali AICS 2020-2021. Pertanto, fino a nuova emissione di DPCM, si possono allenare, esclusivamente in forma individuale, all’interno degli impianti sportivi, solo gli Atleti Agonisti che svolgono le attività degli Sport indicati in tabella.

Per poter effettuare gli allenamenti, volti alla partecipazione alle competizioni inserite nel predetto calendario, le Società devono essere in possesso dell’iscrizione o preiscrizione degli atleti tesserati agonisti, necessaria per dimostrare agli organi competenti la facoltà di poter svolgere attività all’interno degli impianti. Qualora non sia stata ancora inviata da AICS la circolare di invito specifica, con il programma di gara e il relativo modulo di iscrizione, le società devono effettuare la preiscrizione degli atleti AGONISTI accedendo alla pagina http://campionati.aics.it/preiscrizioni-campionati-nazionali-aics/ .

Il CONI ha pubblicato sul sito istituzionale, nella sezione Speciale COVID-19, il Calendario degli “eventi/competizioni di livello agonistico e riconosciuti di preminente interesse nazionale” solo fino alla data del 31 gennaio 2021. Se la disciplina svolta, come da Gazzetta Ufficiale del 13.10.2020, è definita “sport di contatto” ed è presente nei mesi di dicembre/gennaio gli allenamenti relativi alla partecipazione a tali competizioni possono essere svolti con il contatto.

Leggi tutto...

 ai-tempi-di-raffaello--770x470

Disponibili su YouTube: scarica qui le prime due puntate!  

Otto brevi docu film per far rivivere a studenti e appassionati il mondo che vide il pittore e architetto Raffaello Sanzio: narrare i suoi tempi per conoscere non solo lui, ma anche le usanze e i costumi del Rinascimento

Il 2020 è stato un anno complesso e problematico anche per il mondo della promozione culturale, e gli eventi sanitari hanno messo in ombra una ricorrenza storico artistica di grandissima importanza per l’Italia: il cinquecentenario della morte di Raffaello Sanzio. Per questo i settori Cultura e Rievocazioni Storiche di AiCS, durante i mesi di lockdown, ha sviluppato una serie di iniziative dedicate al ricordo del grande artista urbinate, e tra queste il progetto denominato “Al tempo di Raffaello – Il mondo che vide l’artista”.

Si tratta di un documentario, articolato in 8 episodi scritti e condotti da Federico Marangoni, esperto di storia della scherma e del costume, e diretti da Salvatore Ariante, dedicato al approfondire il contesto storico e sociale in cui Raffaello visse ed operò.

Il progetto affronta una molteplicità di temi, tutti uniti tra loro dalla figura del pittore, ma allo stesso tempo poco presenti tanto nella divulgazione culturale tradizionale, quanto negli eventi previsti dalle celebrazioni ufficiali: dall’arte della guerra alla storia del costume, dal duello d’onore alle normative suntuarie.

Il documentario, quindi, permette nel suo insieme di collegarsi ad un’epoca di grande interesse storico e culturale, la fine del ’400 e l’inizio del ’500, analizzandone tanto i grandi eventi politici quanto la vita quotidiana, utilizzando le vicende biografiche dell’artista e la sua produzione pittorica come strumenti per comprendere il suo tempo e per approfondire eventi, abitudini e comportamenti della società italiana del tempo.

Ogni episodio, della durata circa di 10 minuti, tratta un tema differente, e segue cronologicamente le vicende biografiche di Raffaello e la sua produzione artistica ora per introdurre ora per descrivere gli argomenti trattati. Alle iconografie del tempo sono poi aggiunte ampie sezioni che fanno uso di ricostruzioni storiche accurate di armi ed indumenti per descrivere gli usi del tempo e di documenti d’archivio originali del XVI secolo, appartenenti alla collezione privata dell’autore, per illustrare il contesto culturale e normativo dell’epoca.

Tra le mani del conduttore e davanti agli occhi dello spettatore si alternano così oggetti moderni e testi originali del ‘500, spade e norme suntuarie, abiti e manuali d’onore che completano e affiancano la visione dei capolavori di Raffaello e dei suoi contemporanei.

L’intero documentario sarà visibile nelle prossime settimane sul canale Youtube di AiCS
SCARICA QUI LE PRIME DUE PUNTATE!